Per una migliore esperienza, si prega di cambiare il browser in CHROME, FIREFOX, OPERA o Internet Explorer.
Salomon – Atomic  2021

Salomon – Atomic 2021

Le novità pre ISPO 2020 presentate da Salomon e Atomic


Di Emiliano Liberatore skiplace.it

Per presentare i nuovi prodotti Salomon, Atomic e Armada, il gruppo
Amer Sport ha organizzato una serie  di eventi riservati ad una selezione di rivenditori per tutto il mercato europeo e anche quest’anno uno di questi importanti eventi si è tenuto a Zauchensee in Austria, stupenda stazione sciistica poco sopra  la Amer Sport Factory di Alternmarkt,  che per dimensione R&D e capacità produttiva possiamo ritenerla la  più  importante fabbrica di SCI del panorama mondiale.
Un processo produttivo che parte dalla lavorazione del legno, progettazione e produzione interna degli stampi e processi produttivi innovativi per la produzione su richiesta esclusivamente di prodotti RACE e TOP di Gamma. Es: Atomic, Salomon, Kastle, Black Crows, Volant, Faction

Abbiamo partecipato a questo evento in collaborazione con  Sporting San Lorenzo, nostro Skiplace Friend e Premium Dealer Salomon/Atomic. Come da nostra “ tradizione“ ci soffermeremo solo su alcuni prodotti, aderenti  al marchio Skiplace anche se sono state ovviamente presentate tutte le  novità  della gamma completa dell’attrezzo e dell’abbigliamento. Nella gallery dell’articolo troverete tutte le foto dei prodotti presentati e per ulteriori dettagli sui prodotti Salomon, Atomic e Armada potete contattarci direttamente.


Salomon

Serie Stance

Con L’obiettivo di soddisfare le esigenze degli sciatori che amano le performance di uno sci classico, ma vogliono anche essere in grado di muoversi su qualsiasi terreno, Salomon ha sviluppato una nuova serie di SCI con il nome “Stance “, uno sci che abbiamo provato durante lo stage Austriaco sia in pista che in  fuori pista su vari tipi di neve. Uno sci davvero molto versatile e performante che non delude in ogni condizione. Certamente non è un prodotto che nasce per le nevi profonde ma possiamo ritenerlo un vero All Mountain per sciatori di buon livello perché Stance necessita di essere portato con adeguata convinzione per poterne sfruttare al meglio il potenziale,

La nostra preferenza va allo Stance 96 da 182 che riteniamo lo sci completo per canali, boschi e neve lavorata mentre Lo Stance 90 è davvero arma letale per chi vuole uno sci unico da tirare anche curvoni da Gigante in Pista.

Costruzione

Lo Stance è costruito con un laminato doppio in titanio sopra il nucleo e arricchito con rinforzi con tecnologia brevettata C/FX in carbonio e basalto. Questa combinazione offre la stabilità e la potenza di uno sci tradizionale insieme alla manovrabilità e alla capacità di assorbire le vibrazioni di uno sci molto più agile. In sostanza, Salomon ha unito le caratteristiche di due mondi: aderenza delle lamine dal mondo delle gare di sci alpino e manovrabilità e tolleranza ottenute da anni di sviluppo di prodotti freeride

La gamma di sci all mountain Stance da donna offre la stessa versatilità della gamma Stance da uomo, ma con una costruzione leggermente diversa. Un nucleo in legno composto da Karuba e pioppo rende lo Stance 88 e lo Stance 94 da donna più leggeri delle versioni da uomo.
Lo Stance 94 W con la sua grafica bianca molto distintiva e raffinata con una misura 94 x 168cm riteniamo sia un modello centrato  per le sciatrici esigenti e versatili.

Di seguito le misure che saranno disponibili
Stance 90: 168/176/182/188
Stance 96: 168/176/182/188
Stance 102: 176/183/190
Stance W 94 : 154/161/168/174
Stance W 88: 154/161/168/174

al seguente link trovate un breve video “ludico”  dello  Stance 96  e del nuovo Armada Tracer 98 , nei boschi austriaci durante le giornate di test. Armada Tracer 98 è uno sci molto versatile e performante  ( no frills ) che entra di diritto tra gli sci più  interessanti nel range 1600gr, come ben spiegato nei test effettuati da Skialper che mi avevano molto incuriosito.
Video

Salomon Shift PRO 130

Mentre per il mondo Fretouring lo scarpone MTN resta sostanzialmente invariato, Salomon entra in maniera decisa Anche nel mondo degli scarponi da freeride con Il nuovissimo Shift Pro, un 4 ganci overlap  da 130 di flex,  che combina la stabilità e la potenza di un vero e proprio scarpone da sci alpino con la versatilità di uno scarpone da sci alpinismo.
Previste anche versioni Flex 120 e 110

Lo Shift è stato progettato sulla base dello scarpone S/PRO 100 mm con calzata facilitata personalizzabile e scarpetta senza cuciture dal design anatomico. Grazie a queste caratteristiche, combinate con un inserto Sensifit più morbido, lo scarpone avvolge il piede in modo anatomico garantendo una calzata estremamente facilitata. L’inserto Coreframe offre un feedback del terreno e una trasmissione della potenza migliorati per performance in discesa sensazionali. Con un peso di solo 1,63 kg, lo Shift Pro è abbastanza leggero per la risalita, mentre il meccanismo Surelock (ereditato  dalla serie MTN) e la modalità camminata aumentano la mobilità del gambetto. Gli inserti tecnici integrati aiutano a garantire la trasmissione diretta della potenza.
Dal vivo è davvero stupendo e sembra ancora piu leggero dei suoi 1630gr dichiarati 

Lo Shift Pro è stato sviluppato anche nella versione donna con 110/ 90 di flex ma mantiene le medesime caratteristiche di sviluppo del suo fratello maggiore.  Unitamente ad un accattivante colore “acquamarina“ e varianti punteggiate sui ganci, colma l’ampio gap degli scarponi da freeride riservati al pubblico femminile.

Da sinistra: Shift Pro 130 – Shift Pro W 110

La serie MTN  di  Salomon presenta solamente varianti di colore sia per gli scarponi che per gli SCI . Oltre ai famosi e consolidati MTN 95 e MTN 88 ( ora anche in versione Donna)  si aggiungerà un MTN 79 che sarà la versione MTN del XAlp, quest’ultimo fuori produzione per la prossima stagione. 

Molto interessante  l’attacco Shift anche nella versione  4>10 din , full black con un peso inferiore alle versione 13din oggi sul mercato. 

Anteprima MTN 88 explore 2021



Atomic

Certamente Atomic è sinonimo di performance e innovazione, con alcune interessanti novità e conferme sul segmento Race e GT .
Il 2021 vedrà anche una rinnovata attenzione verso il pubblico femminile, sia come materiali che come campagna pubblicitarie, oltre ad importati novità negli scarponi. Noi ci soffermeremo su 3 prodotti che riteniamo più aderenti a Skiplace, in termini di innovazione: il nuovissimo attacco Backland Autoclimb, la Scarpetta Termoformabile Mimic e una stupenda applicazione Hawx Connected per misurare la tecnica di discesa, elaborando i dati relativi alla pressione e l’inclinazione esercitate dagli scarponi sullo sci.

Backland Autoclimb

Un nuovo progetto di attacco da scialpinismo, dedicato a chi si approccia a questa attività con l’obiettivo di massimizzare i propri sforzi, limitando le barriere iniziali della progressione sulle massime pendenze.
Tra puntale e talloniera è presente un punto di appoggio per il tallone che automaticamente si adatta alla pendenza della progressione in salita.
Questo accade perché all’interno della camera (presente a centro attacco) c’è un liquido speciale, che ovviamente non si congela e si sposta da una parte all’altra in base alla pendenza, modificando il punto di appoggio. Nella fase di discesa diventa un normalissimo attacco da skistouring perché l’alzatacco scompare nel suo alloggiamento.

Backland Autoclimb e la serie completa Shift – Autoclimb e Backland

Backland Autoclimb pesa 100gr in più del modello backland skitouring già in commercio e quindi mantiene adeguato livello di leggerezza per garantire buona performance in salita anche per persone che non sono abituate a dislivelli importanti o più semplicemente non vogliono dover lavorare manualmente sull’alzatacco durante le salite, perché tutto si svolge in maniera automatica. Tecnicamente è possibile aggiungere Autoclimb sull’attacco Backland già presente sullo sci rivolgendosi ad un laboratorio specializzato e autorizzato Atomic. 

Mimic Liner

Atomic presenta una nuovissima scarpetta che nella stagione 2019/20 è stata testata in coppa del mondo dai suoi atleti ed è pronta per essere messa a disposizione del mercato agonistico ed amatoriale.  
Rispetto alla “tradizionale“ personalizzazione ad iniezione,  questa nuova scarpetta  è preformata su tallone caviglia e malleolo permettendo fin da subito un ottimo posizionamento del piede, grazie anche all’innovativo materiale e procedimento di costruzione utilizzato.  

Mimic permette una termoformatura precisa, performante e duratura ma la cosa più  importante è che può tranquillamente essere ripetuta senza che questo  ne comprometta la precisione. 
Mimic sarà disponibile sul mercato per l’autunno 2020 e potrà ovviamente essere utilizzata per ogni tipo di scarpone

Hawx Connected


Sviluppato in collaborazione con esperti di biomeccanica e ricercatori dell’università di Salisburgo, il concetto HAWX CONNECTED di Atomic offre funzionalità di tracciamento e analisi digitali all’avanguardia attraverso l’app mobile connessa gratuita di Atomic per un feedback immediato sulla pista per il miglioramento della tecnica di discesa. L’app è già disponibile sullo store Apple per IOS e da ottobre anche per gli altri sistemi operativi. Hawx Ultra 130 Connected è il primo scarpone che integra il sensore al suo interno, posizionato all’interno di una fascia che si posiziona sopra il booster. Sarà comunque acquistabile separatamente e utilizzabile con altri modelli di scarpone.

HAWX 130 ULTRA CONNECTED

Come ogni App sportiva, una volta collegata al vostro device , si misureranno: Numero di discese/salite, velocità media/singola/max ma trovate inoltre altre informazioni che vengono elaborate attraverso il sensore presente nello scarpone:
Inclinazione e di conseguenza la presa di spigolo, lo spostamento delle ginocchia, oltre alle accelerazioni e la forza gravitazionale, più semplicemente possiamo dire che si misura quanto uno sciatore spinge sullo scarpone dal punto di vista dell’accelerazione in curva.  

Queste informazioni sono molto importanti per la misurazione della tecnica perché la presa di spigolo riesce a fornire una indicazione chiara della capacità di condurre lo sci; più si riesce a stare sullo spigolo e più si mantiene lo sci sotto controllo in una curva “carvata“ . Altra informazione preziosa è relativa al parallelismo delle ginocchia perché misurando l’inclinazione del singolo scarpone si misura esattamente quando, ad esempio si piega maggiormente  un ginocchio verso  l’interno
(il famoso “ginocchino”).

Ultra Connected di Atomic potrà essere un ottimo strumento di misurazione della tecnica individuale ma permette anche un utilizzo goliardico potendosi confrontare tra gruppi di amici, avendo la possibilità di gestire più sensori sulla singola app. Le singole performance vengono confrontate con la curva Ideale che è stata calcolata su ogni tipo archi di curva da Benni Raich and Daron Rahlves , mappando migliaia di discese su  diverse condizioni di pendenza.

Ci siamo divertiti molto a provare Atomic Connect in pista e spesso il confronto con Benni  Raich è stato impietoso , specie quando ci ha accompagnato personalmente in alcune discese. 
Se penso al futuro mi immagino la possibilità per ogni allenatore di poter controllare  in tempo reale i suoi ragazzi che si allenano ma anche una telemetria istantanea nelle gare in TV (come succede oggi con F1/Motomondiale) che ci mostri come viene percorsa una curva in coppa del mondo. 



Salomon, Atomic e Armada non saranno presenti a ISPO 2020 e abbiamo ritenuto opportuno pubblicare separatamente le nostre prime impressioni e le descrizioni su quanto presentato in occasione di questo evento.
Vi aspettiamo anche sui nostri canali social
Facebook e Instagram

Emiliano & Davide

Condividi:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

top