Per una migliore esperienza, si prega di cambiare il browser in CHROME, FIREFOX, OPERA o Internet Explorer.
Energia Pura e HPM

Energia Pura e HPM

Il percorso dell’atleta

Dalla valutazione alla performance di alto livello

1° seminario dedicato allo SCI alpino

E’ cominciato l’autunno e si tirano le somme sulla preparazione estiva del comune appassionato di sport. Sappiamo però molto bene che l’atleta professionista segue dei piani di allenamento e di monitoraggio molto rigidi ed impegnativi, sotto stretto controllo da parte del suo staff.

Stiamo da tempo seguendo con molta attenzione un metodo innovativo  di valutazione e misurazione della performance sportiva, sviluppata da HPM (High Performance Method), società fondata da Stefano Maldifassi che ha messo a disposizione di questo progetto l’esperienza maturata nella collaborazione con la FISI e con il MILAN Lab , per supportare gli atleti e gli staff tecnici nel percorso  di miglioramento della performance e nel recupero post infortunio.

Martina Nobis mostra alla Snoboarder Erica Dugnani la sua analisi sul profilo posturale

Mercoledì 16 settembre presso la Palestra Thunder di Milano, si è svolto il primo di una serie di Seminari dedicati allo sci alpino voluto  da Energiapura e HPM, dal titolo:

Dalla Valutazione alla performance di alto livello:

Il Percorso dell’Atleta .

Testimonianze e storie di successo.

Il Seminario era riservato agli addetti ai lavori e siamo stati onorati di essere stati invitati  e di avere contribuito alla realizzazione dell’evento a supporto di HPM. Presenti allenatori, preparatori atletici,  fisioterapisti,  Sciare e Rai Sport ; un  evento che ha riscosso  grande successo,  grazie alla presenza di relatori di alto valore ma anche per l’elevato contenuto  tecnico degli interventi

Il Seminario ha presentato lo scenario delle nuove frontiere dello sci alpino ad alto livello e le criticità     nel migliorare le prestazioni prevenendo allo stesso tempo gli infortuni, una situazione quella dell’infortunio limitante al successo dell’atleta.
I rischi dell’infortunio sono legati alla continua evoluzione del gesto tecnico obbligato dall’aumento delle forze applicate.

Questi i temi affrontati da Energiapura e HPM .

Stefano Maldifassi, anima tecnica del seminario ( ex azzurro dello skeleton che ha lavorato in Fisi, al CONI , in Ferrari e a Milan Lab e che è cofondatore insieme a Luca Temperini di HPM ) ha  parlato di Valutazione dei carichi nello sci alpino e quindi delle forze che sono in gioco, continuando poi nell’affrontare il tema dell’allenamento portando  alcune esperienze di alto livello  come quella di Max Blardone ex azzurro della nazionale italiana di sci alpino e vincitore di 7 gare di coppa del mondo e ora tecnico delle squadre giovanili.

Stefano Maldifassi e Max Blardone
Stefano Maldifassi e Max Blardone

Con Claudio Ravetto (allenatore ed ex direttore tecnico della nazionale di sci alpino)  si è parlato della tecnica e di come questa  si sia evoluta negli anni, partendo da Tomba fine anni 80 ad oggi . Si è entrati nel mondo della Riabilitazione e del Recupero funzionale attraverso le esperienze  di Riccardo Montolivo  e di come il monitoraggio dell’infortunio può essere fatto attraverso alcuni strumenti di valutazione.

Da sinistra: Riccardo Montolivo - Claudio Ravetto - Max Blardone

Il tema della valutazione funzionale dello sci ha introdotto l’intervento di Stefania Belmondo, con la quale si è ripercorso la sua esperienza da un punto di vista fisioterapico per poi finire con l’intervento di Vittorio Micotti ( preparatore atletico per tanti anni in Fisi ) che ha dato un aggiornamento di quelle che sono  state le   attività di ricerca nella preparazione atletica nello sci alpino.

Le tavole rotonde si  sono  concluse con l’intervento del Dott. Davide Tornese, medico della Federazione Italiana Sport Ghiaccio che ha illustrato le linee ottimali per muoversi nell’attività sportiva in tempi di Covid.

Stefania Belmondo
Stefania Belmondo

Terminato l’evento ho chiesto a Stefano Maldifassi la sua disponibilità a programmare una sessione di test per meglio comprendere il metodo e la sua applicabilità ai  “comuni mortali “.  Ad oggi questo tipo di programma è richiesto prevalentemente da  atleti professionisti  ma  per gli amatori che amano migliorare la propria performance,  oppure lavorare specificamente per il recupero da infortunio,  ritengo sia un investimento di grandissimo valore.

L’atleta è sottoposto ad una valutazione completa a valle di anamnesi, con un programma i cui risultati vengono elaborati  e  discussi tramite un  report che contiene anche riferimenti  specifici  ai range ed eventuali gap, rispetto alle aspettative e alle caratteristiche fisiche.

Di seguito l’elenco dei test previsti nel percorso di valutazione

 Test Base

  • Stabilometria – Analisi Posturale
  • Pupillometria – Readiness
  • Forza – Biomeccanica Pura
  • Analisi del Movimento – NASM
  • Composizione Corporea – Bioimpedenziometria (BIA)
  • Stati di Affaticamento – Termografia
  • Core e dorso
  • Valutazione Aerobica e Gait Analysis (Run Reaxing)
  • Reattività – Reaxing Lights

 

Su specifica richiesta viene poi definito un piano di allenamento con un monitoraggio continuo dell’andamento dei parametri  in modalità ” FMP ( Follow My Performance) e sessioni periodiche di valutazione.

Terminata la sessione devo ammettere che  la mia autostima è stata notevolmente ridimensionata anche se  alcuni fondamentali sono risultati abbastanza in linea, grazie ad una discreta preparazione estiva. E’ innegabile nel mio caso dover poi   affrontare  i limiti oggettivi del mio assetto e del mio scarso potenziale ma il piano di allenamento previsto certamente mi aiuterà per le mie umili ambizioni invernali.

Qui di seguito due scatti presi durante una parte della mia sessione di test.

Skiplace è anche su FACEBOOK e INSTAGRAM

Emiliano & Davide

Condividi:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

top